Itinerario

La Via Ferrata “Dei Picasass” SENTIERO DI ACCESSO TEMPORANEAMENTE NON PERCORRIBILE

A Luciano e Massimo

Inaugurata nel luglio 2016 dalla Sez. CAI di Baveno, il nome “Picasass” è stato scelto in onore di tutte quelle persone, i “picasass” (scalpellini) appunto, che fin dall’800 hanno lavorato all’estrazione e alla lavorazione del famoso granito rosa dalle cave di Baveno.

Da quando si inizia a salire lungo la ferrata e fino alla vetta, il panorama che si ammira è semplicemente spettacolare: i laghi Maggiore e di Varese, le isole del Golfo Borromeo, la sponda lombarda, la catena delle Prealpi e delle Alpi formano un insieme davvero magico.
Si parte salendo una ripida placconata facilitata da gradini; numerosi traversi e qualche tratto leggermente strapiombante (ma mai faticoso) portano al
passaggio chiave, che è il tratto più delicato della ferrata, ma il più divertente, un terrazzino esposto che porta a salire e successivamente uno spigolo verticale,
ma anche questo con staffe e appoggi sulla cengia che facilitano il transito.
Si riprende a salire con più facilità sino al raggiungimento di un meraviglioso terrazzo con un panorama mozzafiato, dove è posizionato il libro di vetta.

Da questo punto in poi, le difficoltà finiscono e la ferrata diventa una facile progressione anche senza l’uso delle staffe (il granito offre una grande aderenza); si arriva sotto la cima dove coloro che vogliono provare l’ebrezza di camminare su un cavo d’acciaio (ponte Tibetano) possono attraversare la vallata e successivamente
a concludere il percorso passando su una piccola cresta che conduce alla vetta del Monte Camoscio (890 m) termina la via.

Per raggiungere la ferrata, a Baveno seguire le indicazioni per la località Tranquilla, dove nei pressi dell’omonimo campeggio si trovano le indicazioni frecce del sentiero M3; dopo circa 15 minuti si incrocia il sentiero dei Picasass M3b che conduce in circa 20 minuti all’attacco della via. Tempo di percorrenza circa 2 ore, dislivello 320 m, sviluppo 600 m, esposizione Nord/Est, difficoltà poco difficile; ritorno dal Monte Camoscio seguendo il sentiero M3 direzione Baveno. Tempo di discesa circa 80 minuti.

IN AUTO: autostrada A26, uscita Baveno-Stresa, girare alla seconda svolta a destra, alla rotonda prendere la prima uscita e seguire la strada per circa 1 km. In località Tranquilla imboccare la strada di fronte al lavatoio.

CON MEZZI PUBBLICI: una volta arrivati a Baveno, raggiungere la frazione di Oltrefiume ed in località Tranquilla imboccare la strada di fronte al lavatoio.

 

Dati tecnici (PDF)

Tracciato (PDF)

Breve descrizione (PDF)

Regolamento (PDF)

 




Font Resize
Contrasto